I Frati Cappuccini

Pin It

Da quasi 500 anni, i frati Cappuccini sono presenti, in Italia e nel mondo, come “frati del popolo”. Sulle orme di Francesco d’Assisi, diffondono il messaggio cristiano di “pace e bene” attraverso uno stile di vita fraterno, semplice, accogliente e aperto.

Fanno parte delle loro attività quotidiane la preghiera condivisa con i fedeli, la predicazione, le confessioni, la collaborazione pastorale all’interno della Chiesa locale, l’ascolto e accompagnamento spirituale di singoli o gruppi (tra i quali l’Ordine Francescano Secolare e i giovani francescani), la cura spirituale degli ammalati e dei carcerati, l'aiuto e il sostegno alle missioni all’estero, l’animazione di adolescenti e giovani, le iniziative caritative a favore di tossicodipendenti e disagiati, la distribuzione di viveri, indumenti e pasti caldi ai bisognosi.

Attivi anche in ambito culturale, i Cappuccini pubblicano alcuni periodici e hanno dato vita in alcuni conventi a biblioteche e spazi museali. A Venezia, gestiscono lo Studio teologico “Laurentianum”, da oltre quarant’anni anni affiliato alla Pontificia università Antonianum di Roma  

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy Se vuoi saperne di piu o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy.

  Accetto cookies da questo sito.
Cookie Information
Sante messe sospese

Emergenza Coronavirus: disposizioni della Diocesi di Padova dalle ore 24 di domenica 23 febbraio alle ore 24 di domenica 1° marzo 2020 A seguito delle disposizioni ministeriali e regionali a fronte dell’emergenza Coronavirus (COVID 2019), in particolare rispetto alla necessità di evitare assembramenti di persone, la Diocesi di Padova, in costante collegamento con le autorità pubbliche (Prefetto e Sindaci) e in sintonia con le altre diocesi del Veneto, dalle ore 24 di oggi, domenica 23 febbraio, alle 24 di domenica 8 marzo dispone quanto segue, per tutto il territorio diocesano: (…) Sono sospese le celebrazioni pubbliche di sante messe feriali e festive, incluse quelle del Mercoledì delle Ceneri, sacramenti, sacramentali, liturgie e le Via Crucis. I fedeli, in sostituzione del precetto festivo e anche del Mercoledì delle Ceneri, inizio della Quaresima, sono invitati a dedicare un tempo conveniente alla preghiera e alla meditazione, aiutandosi anche con le celebrazioni trasmesse tramite radio e televisione. Le chiese e i santuari presenti nel territorio diocesano, comprese la Basilica di Sant’Antonio e il Santuario di San Leopoldo, rimarranno aperte per chi vorrà recarsi a pregare, evitando assembramenti di persone, ma non saranno celebrate le messe. Sono sospesi gli incontri del catechismo e dell’iniziazione cristiana e ogni altra attività nei centri parrocchiali.