1. La cappella e la tomba del santo

Pin It

i1Interno  Di fronte alla celletta-confessionale di san Leopoldo si trova la cappella, dove dal 1963 riposano le spoglie del santo. La tomba, di marmo rosso, è meta di un continuo pellegrinaggio di persone, attratte dalla forza spirituale di un amico che continua a donare protezione e conforto.

All’interno, accanto alla lapide tombale, in una nicchia, è esposto il reliquiario contenente la mano destra del santo: per ricordare le innumerevoli volte che essa si è alzata e protesa per assolvere, benedire e consolare. L’artistica pala dell’altare della cappella, realizzata da Lino Dinetto, interpreta la missione di san Leopoldo: condurre le anime alla Santissima Trinità, per la mediazione di Gesù Redentore.

La stola sacerdotale e il saio francescano indossati da san Leopoldo, ricordano il servizio e la donazione di un’intera esistenza: il santo confessore è presentato inginocchiato come intercessore e come un fratello che indica la strada che conduce all’intimità con Cristo.

All’esterno, sopra la tomba, arde giorno e notte la «Lampada della riconciliazione». Il rito dell’offerta del l’olio che la alimenta viene rinnovato ogni anno il 12 maggio, festa liturgica del santo.

 

 

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy Se vuoi saperne di piu o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy.

  Accetto cookies da questo sito.
Cookie Information
Sante messe sospese

Emergenza Coronavirus: disposizioni della Diocesi di Padova dalle ore 24 di domenica 23 febbraio alle ore 24 di domenica 1° marzo 2020 A seguito delle disposizioni ministeriali e regionali a fronte dell’emergenza Coronavirus (COVID 2019), in particolare rispetto alla necessità di evitare assembramenti di persone, la Diocesi di Padova, in costante collegamento con le autorità pubbliche (Prefetto e Sindaci) e in sintonia con le altre diocesi del Veneto, dalle ore 24 di oggi, domenica 23 febbraio, alle 24 di domenica 8 marzo dispone quanto segue, per tutto il territorio diocesano: (…) Sono sospese le celebrazioni pubbliche di sante messe feriali e festive, incluse quelle del Mercoledì delle Ceneri, sacramenti, sacramentali, liturgie e le Via Crucis. I fedeli, in sostituzione del precetto festivo e anche del Mercoledì delle Ceneri, inizio della Quaresima, sono invitati a dedicare un tempo conveniente alla preghiera e alla meditazione, aiutandosi anche con le celebrazioni trasmesse tramite radio e televisione. Le chiese e i santuari presenti nel territorio diocesano, comprese la Basilica di Sant’Antonio e il Santuario di San Leopoldo, rimarranno aperte per chi vorrà recarsi a pregare, evitando assembramenti di persone, ma non saranno celebrate le messe. Sono sospesi gli incontri del catechismo e dell’iniziazione cristiana e ogni altra attività nei centri parrocchiali.