17.03.2017 Convegno: A 500 ANNI DALLA RIFORMA PROTESTANTE

Scritto da Padre Giovanni on .

Pin It

Martino Lutero Lucas Cranach

Studio Teologico Interprovinciale dei Frati Minori Cappuccini «Laurentianum» (Venezia)

CONVEGNO:
«NON SIAMO PIÙ ESTRANEI»
A 500 ANNI DALLA RIFORMA PROTESTANTE (1517-2017)

17 MARZO 2017

Programma

Ore 9:45      Introduzione

ore 10:00    Lutero e gli altri. Tra riforme e rivoluzioni: l’età dell’uomo comune
dr. don Fabio Tonizzi, docente di Storia della Chiesa alla Facoltà Teologica dell’Italia centrale

ore 11:15    “Non siamo più estranei, anzi...”: Memoria e speranze del dialogo cattolico-luterano
dr. Riccardo Burigana, Direttore Centro Studi per l’Ecumenismo in Italia - Venezia

Dialogo con i Relatori

* * *

Gesù ci ricorda: «Senza di me non potete far nulla» (Gv 15,5). Egli è colui che ci sostiene e ci incoraggia a cercare i modi per rendere l’unità una realtà sempre più evidente. Indubbiamente la separazione è stata un ‘immensa fonte di sofferenze e di incomprensioni; ma al tempo stesso ci ha portato a prendere coscienza sinceramente che senza di lui non possiamo fare nulla, dandoci la possibilità di capire meglio alcuni aspetti della nostra fede. Con gratitudine riconosciamo che la Riforma ha contribuito a dare maggiore centralità alla Sacra Scrittura nella vita della Chiesa. L’esperienza spirituale di Martin Lutero ci interpella e ci ricorda che non possiamo fare nulla senza Dio. “Come posso avere un Dio misericordioso? “. Questa è la domanda che costantemente tormentava Lutero. In effetti, la questione del giusto rapporto con Dio è la questione decisiva della vita. Come è noto, Lutero ha scoperto questo Dio misericordioso nella Buona Novella di Gesù Cristo incarnato, morto e risorto. Con il concetto di “solo per grazia divina “, ci viene ricordato che Dio ha sempre l’iniziativa e che precede qualsiasi risposta umana, nel momento stesso in cui cerca di suscitare tale risposta. La dottrina della giustificazione, quindi, esprime l’essenza dell’esistenza umana di fronte a Dio.
(Papa Francesco, Omelia alla Preghiera ecumenica comune, Lund - 31.10.2016)

Sede dell’incontro:
Auditorium / Convento Frati Cappuccini / Piazzale Santa Croce, 44 - PADOVA

Per informazioni rivolgersi a:
Studio Teologico Interprovinciale «Laurentianum» Giudecca 194 - 30133 VENEZIA
Tel. 041. 5224348
E-mail: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Per raggiungere la sede dell’incontro:
dalla stazione ferroviaria di Padova,  tram (direzione Guizza Capolinea Sud)  fermata “Santa Croce”
Santuario di San Leopoldo Mandić Piazza Santa Croce, 44 - PADOVA

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy Se vuoi saperne di piu o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy.

  Accetto cookies da questo sito.
Cookie Information
SAN LEOPOLDO “PATRONO DEI MALATI DI TUMORE”

Leopoldo Patrono malati

FIRMA ANCHE TU LA PETIZIONE AI VESCOVI ITALIANI. Fin dagli anni ’80 del secolo scorso, molti medici, ammalati e loro familiari hanno espresso il desiderio di poter invocare san Leopoldo per una malattia sempre più diffusa e dolorosa: il tumore. Leggi...